“Se sei Bravo ti tirano le pietre…” ovvero Tempo Tiranno


” E’ un lavoretto facile e veloce… che ci vuole?”
TEMPO.
Ecco quello che ci vuole!
Il professionista non ha ormai altro in cui investire.
Nessuno vede le notti insonni passate a migliorarsi, tentando di acquisire nuove competenze per offrire quei PLUS che permettono di accontentare una richiesta sempre più esigente e avida di essere sul mercato prima di tutti gli altri.
Ore e ore a studiare strategie, a concretizzare idee, a “smanettare” su ogni programma, tool o app che ci consenta di poter dire ” bello, unico e in tempi record “.
E diventiamo bravissimi e velocissimi.
E proprio quando lo siamo diventati, s’innesca quel meccanismo perverso per cui, nella mente del cliente, scatta l’equivalenza VELOCE = MEDIOCRE e s’insinua il tarlo del dubbio che chi ti sta fornendo il servizio nei tempi “disumani” richiesti, in realtà abbia trovato un escamotage per fregarti.
Perché in realtà il cliente stesso sa benissimo che, per fare un buon lavoro, c’è sempre una soglia sotto la quale la qualità rischia di perdersi.
Ma ormai è tardi e si è già nel Loop:
investiamo tempo per ottenere tempo che ci si ritorcerà contro, perché sempre ” TROPPO o TROPPO POCO”.
E’ la sfida quotidiana che destabilizza la richiesta, eternamente combattuta fra le certezze che un buon prodotto non si realizza in una notte e l’incredulità di quello che il professionista riesce “INCREDIBILMENTE” a fare.
Insomma, viene chiesto un miracolo al quale poi non si è disposti a credere.
E questa sfida assorbe quel tempo che già sentiamo non bastarci mai.
Come uscire dal tunnel?

Share :
Related Posts